Informazioni utili

Cose da sapere su Goa

 

La lingua ufficiale e’ il Konkani, ma quasi tutti parlano inglese. La moneta locale è la rupia. Il fuso orario è di 4.30 h avanti con l’ora solare e 3.30 con l’ora legale.

E’ obbligatorio il visto d’ingresso che va richiesto rigorosamente prima.

Non sono previste vaccinazioni obbligatorie, ma un minimo rischio di contrarre malaria o dengue esiste nelle zone rurali.
L’acqua non è potabile, ma moltissime strutture hanno i depuratori. Io comunque bevo solo acqua imbottigliata.

Goa è molto più sicura di qualsiasi capitale europea. In realtà ovunque è pericoloso se te la vai a cercare. Evita di lasciare borsa ed effetti personali incustoditi perché il ladro di turno puoi sempre incontrarlo, ma, per esempio, nessuno usa la catena per la moto e non si registrano furti.

Si riportano aggressioni a turiste (e non) durante la notte, in spiaggia, in zone isolate. Per favore evitate di allontanarvi, alle 4 del mattino, da sole o con gente appena conosciuta, in posti bui e lontani da tutto… a casa vostra lo fate??

La sera si può andare in giro senza nessuna preoccupazione a parte quella di prendere un taxi se si intende bere.

Molti ragazzi indiani che vengono in vacanza a Goa o che ci lavorano, muoiono dalla voglia di fare amicizia con occidentali e nel 90% dei casi sono solo molto curiosi… e innocui. Non fate caso al fatto che vi fissino, in India il concetto di spazio personale è inesistente. E quasi sempre vi chiederanno di fare una foto con loro, rassegnatevi 🙂 Hanno una passione smisurata per la pelle bianca, eredità credo del colonialismo Inglese.

                                                                                        .

Da aprile 2017 l’Italia è entrata a far parte dei paesi che possono richiedere il visto d’ingresso online.
E’ sufficiente compilare i moduli, fare l’upload di una foto a volto scoperto e pagare con carta di credito. Dopo qualche giorno si ottiene per email un’autorizzazione che va stampata e consegnata ai controlli di immigrazione degli aeroporti designati. Qui, dopo avervi preso le impronte digitali e scattato un paio di foto, finalmente apporranno il timbro di ingresso sul passaporto. Il visto dura in genere 60 giorni dalla data di ingresso.

Questo e’ il link ufficiale per informazioni più dettagliate :
 https://indianvisaonline.gov.in/evisa/tvoa.html

 

Il periodo migliore per visitare il Goa va da Novembre a Marzo con 30 gradi circa di giorno e 20 la sera. Dopo inizia un gran caldo con picchi di temperature altissime in Maggio. Da Giugno a Settembre è il periodo dei Monsoni, piove incessantemente e le spiagge diventano impraticabili – per non parlare delle strade.

                                                                         .

Girare per lo stato è molto semplice, basta affittare una moto e ricordarsi di guidare a destra. L’obbligo del casco è solo per il guidatore (!).  Assicuratevi di avere un mezzo con targa di colore giallo, i turisti possono guidare solo quelli.

Le strade di solito la sera sono poco illuminate e le condizioni del manto stradale sono pessime, in più branchi di mucche bivaccano ovunque invadendo tutta la carreggiata per cui, se non si ha dimestichezza con il posto, è preferibile prendere un taxi. Contrattate sempre prima il prezzo perché non hanno tassametro e fuori da ristoranti e clubs il prezzo raddoppia.

 

Come vestire

Goa è una sorta di porto franco, l’unico stato dell’India dove puoi vestire come credi, di solito non interessa a nessuno. Fuori da qui è bene ricordare di coprire spalle e gambe ed evitare abiti scollati.

Ma anche qui io direi di usare il buon senso, camminare in costume solo in spiaggia e di evitare eccessi in altri posti, a meno che tu non sia in coppia o in gruppo, per evitare attenzioni indesiderate.( che di solito si rivelano innocue)
Il topless l’ho visto solo a small Vagator, il nudo mai.

Inutile portare scarpe con i tacchi, vanno bene sandali ed infradito, al limite stivali bassi. Le strade sono in condizioni disastrose e pochissimi posti giustificherebbero questo genere di look quindi, a meno che tu non stia dormendo al Taj o al Grand Hyatt, puoi farne a meno.

Fa caldo tutto l’anno ma tra dicembre e febbraio la sera la temperatura può calare abbastanza da dovere indossare una felpa per andare in moto.